“Sembra una buona idea, ma sarà davvero praticabile?”. Dal dialogo con i cittadini in strada sulla norma – per ora solo annunciata – con la quale il governo intende tagliare le pensioni alte, emergono due opinioni prevalenti. La prima, il consenso verso il ‘contributo di solidarietà‘ : “È una scelta giusta perché chi ha tanto deve accettare un sacrificio in favore di chi si trova in difficoltà”. La seconda, il dissenso verso una misura indiscriminata: “Dovrebbero essere tagliate solo le pensioni per le quali non sono stati versati i contributi, chi percepiva stipendi elevati non deve essere punito”. L’ipotesi più recente è un taglio progressivo alle pensioni superiori ai 4500 euro netti al mese per cinque anni. Ma in strada c’è chi vede altre priorità: “I pensionati sono già stati ripetutamente colpiti, per recuperare risorse si deve fare la guerra agli evasori”. E chi ha diverse preoccupazioni: “Per molti il problema è poterla un giorno percepire la pensione, non vedersela tagliare”. E voi che ne dite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, Conte: “Incontro non risolutivo. Confido che il dialogo porti a evitare procedura di infrazione”

next
Articolo Successivo

Manovra, la stretta di mano tra Conte e Juncker: “Non litighiamo, we are friends”

next