Nel secondo giorno di esame al disegno di legge anticorruzione, alla Camera si è discusso, e poi votato, sulla trasparenza e sulle sanzioni per gli illeciti commessi da partiti e fondazioni. Dopo il ritiro di un emendamento da parte della Lega, i gruppi parlamentari d’opposizione hanno ricordato, negli interventi, il legame tra politica e attività sui territori. Il deputato dem Emanuele Fiano ha detto che “la nostra militanza, in alcune fasi storiche, è stata anche difesa della libertà e della democrazia“. A quel punto, Ciro Maschio, di Fratelli d’Italia, ha risposto direttamente al collega del Pd: “Vorrei ricordagli che per i ragazzi di destra fare politica, in certe zone d’Italia, è un rischio. A volte non tornano a casa“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue boccia la manovra, Conte e Salvini rilanciano: “No rinunce per l’interesse degli italiani”. “Niente passi indietro”

next
Articolo Successivo

Anticorruzione, Di Maio: “Smentisco accuse M5s a Giorgetti. Lui nell’occhio del ciclone perché dà fastidio a Malagò”

next