L’ultima puntata di Affari Tuoi è stata trasmessa il 17 marzo 2017, con il gioco dei pacchi che salutava il pubblico di Rai1 dopo tredici anni a causa dei bassi ascolti. Alla conduzione si erano alternati Paolo Bonolis, Antonella Clerici, Max Giusti, Pupo e ovviamente Flavio Insinna. Il conduttore romano nell’ultima edizione aveva ottenuto in media solo 3.978.000 telespettatori e il 15,32% di share, travolto dalle numerose polemiche che per anni hanno accompagnato lo show in onda nell’access prime time.

Endemol, società di produzione del game show, e la Rai avevano anche precisato che la trasmissione dopo uno stop, necessario per far riposare il format, sarebbe tornato sulla prima rete del servizio pubblico. Un ritorno era infatti previsto, anche se mai annunciato ufficialmente, tra febbraio e marzo 2019 con la conduzione di Amadeus, dato in pole position, o di Gabriele Corsi, componente del Trio Medusa. La direzione di rete, al momento ancora occupata da Angelo Teodoli, avrebbe cambiato idea.
Lo stop sarebbe arrivato però dall’alto, in particolare dall’amministratore delegato Fabrizio Salini che secondo i colleghi di Tvzoom non sarebbe convinto dal gioco che, ricordiamo, più volte è finito nel mirino di Striscia la notizia con l’accusa di irregolarità. Il sito non esclude che a incidere sullo stop possa anche esserci la volontà di non esporre ulteriormente Amadeus. L’azienda di Viale Mazzini ha infatti chiesto nei giorni scorsi al conduttore e al collega Carlo Conti di riportare Ora o mai più, show rivelazione della scorsa stagione, in onda al sabato sera a gennaio contro C’è posta per te.
Una decisione in extremis dopo il rinvio dello spettacolo di Gigi Proietti e lo spostamento a marzo degli appuntamenti culturali con Alberto Angela. Al posto di Affari tuoi proseguirà fino a giugno i Soliti Ignoti, sempre prodotto da Endemol, che continua a ottenere ottimi ascolti nell’access prime time.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Storie Italiane, a casa di Paolo Brosio si parla di Madonne che sanguinano. Ma a sanguinare è il gatto

prev
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, ascolti molti bassi per una puntata moscia. Esce Jane Alexander che bacia appassionatamente la sua conquista

next