Claudio Amendola ha avuto un infarto durante le riprese della fiction Rai Nero a Metà, che ha fatto il boom di ascolti con la prima puntata andata in onda lunedì. A rivelarlo è stato lo stesso attore in un’intervista al settimanale Di Più Tv, in cui ha raccontato tutti i particolari di quell’esperienza che gli ha cambiato la vita. Amendola ha ripercorso con la mente quei terribili momenti: era appena rientrato a casa e sentiva dei dolori strani, poi ha iniziato ad avere difficoltà respiratorie. Con lui c’era la moglie Francesca Neri, che ha subito compreso la gravità della situazione e lo ha portato di corsa in ospedale.

“Appena mi hanno visto i medici del reparto di cardiochirurgia non hanno perso un secondo. Mi hanno fatto subito un elettrocardiogramma e poi mi hanno trasferito di corsa nella sala rossa” ha ricordato Amendola: “Per fortuna l’infarto è stato piccolo: non c’è stato bisogno di operarmi”. Dopo essere rimasto in osservazione per tutta la notte vegliato dalla moglie, l’attore è tornato a casa e, solo una settimana dopo l’infarto, ha ripreso a lavorare, con tutte le attenzioni del caso, sul set. “Ho fatto tutto quello che il regista Marco Pontecorvo mi ha chiesto, facendo attenzione a non sforzarmi troppo”, ha precisato ancora l’attore che, proprio in virtù di quell’esperienza, ha cambiato vita iniziando a mangiare meglio, giocando a golf e smettendo di fumare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elisa Isoardi, ecco chi è lo stalker che la perseguita: “Ha 60 anni e appartiene a una famiglia in vista”

next
Articolo Successivo

Tekashi 6ix9ine, la stella della trap americana rischia una condanna all’ergastolo

next