Ventinove milioni di messaggi in sessanta secondi. Il potere di WhatsApp sta ancora negli ultimi numeri strepitosi, rivelati questa volta da un rapporto diffuso dal Centro Economia Digitale. Una supremazia che l’app ripaga con tool e feature in costante aggiornamento. Ultimi della serie gli stickers, la novità introdotta nelle scorse settimane e che equipara (finalmente) l’app di messaggistica già usta e famosa al mondo ai concorrenti, Telegram su tutti.

Di questi 29 milioni di messaggi inviati nell’arco di un singolo giro di orologio, una grande fetta è fatta proprio di conversazioni piene zeppe di adesivi colorati e simpatici. Ma Whatsapp è già pronta a rompere il record dei 60 secondi. Oggi gli stickers si possono addirittura creare partendo dalle proprie foto della gallery o dagli scatti istantanei e personalizzare ed è chiaro che i nuovi trucchetti avranno conseguenze positivissime sull’app aumentandone, ovviamente, la popolarità e incentivando quindi l’invio di messaggi per gioco o divertimento.

Il giochetto per il momento funziona solo con i dispositivi Android e Google Play poiché iOS e Apple ci stanno ancora lavorando. Le app di terze parti presenti sullo store Google permettono dunque di annullare il limite dei 12 adesivi disponibili nei pacchetti base forniti da WhatsApp e soprattutto liberano l’immaginazione degli utenti. La soluzione più facile e immediata per rimpolpare il nostro spasso è Sticker Maker for WhatsApp: basta inserire un titolo per i nuovo set di adesivi e cliccare sulla pagina vuota che si apre per aggiungere un’immagine direttamente dalla galleria o una foto scattata in presa diretta, a questo punto basterà modificare l’immagine tagliandola o aggiustandone i colori e poi salvarla per poi “pubblicare” il nuovo pacchetto e aggiungerla a WhatsApp. Interessante è anche Sticker Studio, applicazione gratuita che ci consente di inventarci adesivi passando attraverso un solo e semplicissimo passaggio: una volta scattata la foto con la fotocamera dello smartphone, non bisognerà fare altro che contornare la parte che vogliamo usare come adesivo e il gioco è fatto. Non vogliamo alcun passaggio intermedio? Siamo accontentati e la risposta si chiama Personal Sticker for WhatsApp. In questo caso servirà soltanto selezionare una o più immagini dal nostro telefono, l’app le trasformerà direttamente in sticker pronti ad essere inviati. Altro che 29 milioni di messaggi in sessanta secondi…

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cristina Parodi lancia una “frecciatina” alle colleghe che usano troppa luce in studio: “Non voglio apparire come la Madonna! Si vedono le rughe e va bene così”

next
Articolo Successivo

Alessandro Cecchi Paone: “Mi sono innamorato del mio migliore amico”

next