Il cambio di conduzione ha portato nuova linfa a Domenica In, l’arrivo di Mara Venier ha fatto crescere gli ascolti del contenitore domenicale riuscendo spesso a superare il competitor. Cristina Parodi, che lo scorso anno era alla guida del programma con la sorella Benedetta, era finita nel mirino della critica dopo la chiusura de L’Arena di Massimo Giletti:  “Ho provato con mia sorella, era il mio sogno. Non è andata, pazienza. Mi ritengo, comunque, una donna fortunata. Resta la soddisfazione di aver portato a termine una trasmissione difficile con ascolti dignitosi“.

L’ex volto de La Vita in diretta ha trovato rifugio nella seconda parte del pomeriggio festivo con “La prima volta” in onda alle 17,35. Il formato sta ottenendo ascolti tiepidi, anche se non disastrosi, ma la signora Gori si dice soddisfatta nel corso di un’intervista al settimanale Diva e Donna. Nel corso della chiacchierata rivela di aver fatto gli auguri alla Venier per questa nuova sfida ma si definisce molto diversa dalle colleghe: “Sono così come appaio. Dicono che sono algida, ma io sono una giornalista, non una donna di spettacolo. Non sarò mai come Mara Venier o Barbara d’Urso. Ho un’altra estrazione.

Un modo per rimarcare le differenze professionali, una frecciatina sembra arrivare anche quando il discorso si sposta sulle luci. La particolare “illuminazione” di Barbara D’Urso è da sempre motivo di presa in giro: “A Torino dove registro ci sono telecamere con una definizione pazzesca. Porca miseria, mi dico, sono invecchiata parecchio. Ma faccio buon viso a cattivo gioco. Non voglio avere addosso la luce circonfusa come la Madonna.”

Solo un malinteso? In realtà sull’argomento si era già espressa qualche mese fa in un’intervista a Vero usando lo stesso tono: “Lo so, so si vedono le rughe! Non mi faccio mettere un armamentario di luci come hanno loro, perché la mia faccia è questa e va bene così. Non posso apparire come la Madonna, non mi piacerebbe. Poi effettivamente le telecamere in HD sono impietose, ma pazienza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vittorio Sgarbi, chi è la sua assistente (che si rotolava con lui per terra) Paola Joara Camarco: “Io, adepta di una religione il cui Dio è lui”

prev
Articolo Successivo

WhatsApp introduce gli stickers (come il concorrente Telegram): ecco come realizzare quelli personalizzati

next