Non ha raggiunto il quorum del 33,3%, necessario secondo il Campidoglio per la sua validità, il referendum per la messa a gara del dei trasporti pubblici di Roma. Alla consultazione promossa dai Radicali, che ha visto vincere largamente i sì (74-75%) ha partecipato il 16,3% degli aventi diritto.”Il mancato raggiungimento del quorum è una sconfitta per l’amministrazione della democrazia diretta, per una sindaca che ha fatto fatica a dire una parola sul referendum” ha commentato il radicale Riccardo Magi. “Nelle condizioni date siamo soddisfatti di come i romani hanno risposto. C’è poi la questione quorum. Il Campidoglio lo ha tolto per i referendum lo stesso giorno in cui ha indetto questo. A nostro avviso il quorum non c’è, quindi impugneremo la questione davanti al Tar

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raggi, Casalino: “Toni forti contro i giornalisti? A volte servono, c’è accanimento forte nei confronti del M5s”

next
Articolo Successivo

Salvini: “Tav? Stiamo valutando, ma manifestazione di Torino fa pensare. Su altre opere si va avanti”

next