Dalla scuola di Amici di Maria De Filippi al palcoscenico di Londra. Sebastian Melo Taveira, la promettente rivelazione del talent di Mediaset, è entrato a far parte del cast di Magic Mike, lo spettacolo teatrale basato sul film del 2012 incentrato sul mondo dello spogliarello maschile e diretto dallo stesso protagonista della pellicola, Channing Tatum.

Il ballerino, arrivato in finale nel 2017 e sconfitto all’ultimo da Andreas Muller, farà parte del corpo di ballo che per un anno porterà in scena lo show all’Hippodrom Casino della capitale inglese. A rivelarlo lui stesso in una storia di Instagram, subito ripresa dalla pagina ufficiale del talent che tra pochi giorni ripartirà su Canale 5. Nella foto rivelatrice, Sebastian ha immortalato uno dei cartelloni pubblicitari dello spettacolo. Nonostante la giovane età (appena 18 anni), il ballerino lo scorso anno era entrato a far parte dello staff dei professionisti della trasmissione.

Ma Sebastian non è l’unico italiano né l’unico ex di Amici che ha vinto il ruolo. A fare “balletti sexy fatti per essere guardati dalle donne”, come si legge nella presentazione online dello show, ci sarà anche Anthony Donadio. Classe 1991, il ballerino era entrato nella scuola nel 2013 come specialista della breakdance per poi uscirne poco tempo dopo, eliminato alla prima puntata del serale.

Il film originale, basato sulla vita reale dell’attore Channing Tatum, che a 19 anni lavorava come spogliarellista in un locale di Tampa, fu campione di incassi. Il primo giorno di uscita nelle sale italiane, il 21 settembre 2012, la pellicola diventò subito la più vista, guadagnando 331mila euro. Un primato confermato anche nel primo settimana di programmazione, quando il film arrivò a incassare 1 milione e 300mila euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maurizio Costanzo Show, Romina Power parla della figlia scomparsa: “Ylenia è viva fino a prova contraria”

next
Articolo Successivo

Principe Carlo, la nuova biografia svela le due “armi” segrete usate da Camilla per conquistarsi il suo amore

next