Soltanto una settimana fa il caporalmaggiore dell’esercito Luigi Sorrentino, soprannominato “Gigi l’Immortale” perché sopravvissuto a un attentato dei talebani nel 2006, aveva raccontato a un giornale la sua malattia e la sua voglia di tornare al lavoro. Un’ambizione frenata dalla leucemia, forse contratta a colpa dell’uranio impoverito, e dalle decisioni dei ministeri della Difesa e dell’Economia. Infine è arrivata la notifica di un provvedimento disciplinare per le intemperanze verso un superiore, sostiene La Stampa. Martedì il caporalmaggiore Sorrentino si è impiccato nel suo appartamento al quinto piano di via Rosta, a Torino, senza lasciare biglietti e messaggi.

Aveva quarant’anni e molte missioni all’estero (Kosovo e Afghanistan) compiute fino a quando nel maggio 2015 gli è stata diagnosticata la leucemia linfoblatica: aveva perso tutta la tonicità muscolare, ma grazie al trapianto del midollo osseo era guarito. “So dove me la sono presa – aveva dichiarato in un’intervista al quotidiano torinese Cronaca Qui pubblicata una settimana fa -. A Camp Black Horse, lungo la Violet Road di Kabul, nel 2006. Quella era la base dove addestravo le forze speciali afghane. E dietro c’era quello che tutti chiamavano il ‘cimitero dei carri’, un enorme sfasciacarrozze di mezzi corazzati di fabbricazione sovietica, distrutti dagli americani”.

E lì non c’erano soltanto rottami di metallo: i mezzi erano “quasi tutti colpiti da proiettili all’uranio impoverito. Enormi ammassi di acciaio fuso dai quali si alzava una polvere invisibile sollevata dai ‘twister’, piccole trombe d’aria tipiche del deserto. È il vento che portava l’uranio”. A rifletterci, anni dopo, coglie alcuni dettagli: “Ora capisco perché gli americani avevano il tassativo divieto di avvicinarsi al ‘cimitero dei carri’ – ha spiegato ancora nella sua intervista alcuni giorni prima del suicidio -. Invece io, che ero pilota di mezzi blindati, ci sono passato per sei settimane di fila, senza nessuna protezione”.

Dal momento della diagnosi aveva chiesto il riconoscimento della causa di servizio, negata dai ministeri, e poi aveva intrapreso una serie battaglie legali davanti al Tribunale amministrativo regionale: “Non lo faccio per i soldi – aveva dichiarato il 19 ottobre nell’intervista -. Voglio che qualcuno riconosca i propri errori e ammetta che conosceva già allora gli effetti dell’uranio impoverito”. Ma non voleva soltanto un indennizzo economico dovuto. Il caporalmaggiore Sorrentino cercava dignità nella sofferenza della malattia, una dignità che poteva ottenere attraverso il lavoro: voleva tornare operativo al Secondo reggimento alpini di Cuneo.

“Mi hanno negato il reintegro dopo aver sostenuto un test di personalità – aveva confessato a Cronaca Qui -. I soldi qui non c’entrano, è un discorso etico: io sono sotto le armi dal ‘97, ho sempre creduto nella Bandiera e ho fatto un giuramento. Ora invece mi danno 1.500 euro al mese per restare a casa a fare nulla”. Il Tar avrebbe trattato il suo ricorso a gennaio: “Non credo di chiedere troppo: in fondo sono ancora padrone di andare a morire in missione con il mio cappello alpino sulla testa”. Martedì, invece, il caporalmaggiore ha deciso di morire senza partire in missione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, sabato 27 sit in al Campidoglio contro il degrado. Mentre i lavori in Aula e in Giunta sono quasi fermi

next