Si è chiuso il quarto giro di crash test chiamati da Euro NCAP per il 2018, che hanno visto emergere per la prima volta la tecnologia di un veicolo a idrogeno come la Hyundai NEXO, tornata a casa con 5 stelle.

“Abbiamo ottenuto risultati soddisfacenti da questi test e siamo contenti che le auto continuino ad avere buone performance nelle prove con frenate autonome d’emergenza, soprattutto relativamente a pedoni e ciclisti” afferma Michiel van Ratingen, segretario generale di Euro NCAP, “Fa piacere vedere i costruttori sempre pronti a accogliere la nostra sfida.”

Sono state messe alla prova anche Opel Combo, Citroen Berlingo, Peugeot Rifter, Lexus ES, Mazda 6 e Mercedes-Benz Classe A. Tra queste, solo Lexus, Mazda e Mercedes hanno conquistato 5 stelle, mentre ai van del gruppo PSA, non avendo superato brillantemente la prova di investimento pedoni, ne sono toccate quattro.

Ma la vera sorpresa è stata proprio la NEXO Fuel Cell, prima auto alimentata a idrogeno a passare sotto la lente di ingrandimento di Euro NCAP e a meritarsi i pieni voti, nonostante la perdita di qualche punto nella protezione adulti. Ottima performance, invece, per il “motore” del suv Hyundai: né il serbatoio (ad alta pressione di idrogeno) né tanto meno le batterie hanno subito danni o si sono rivelate pericolose per i passeggeri.

Anche la Lexus ES, ibrida, ha ricevuto punteggi piuttosto alti in tutte e quattro le categorie di test, soprattutto sul fronte protezione adulti e pedoni, mentre la berlina di Stoccarda è stata la migliore di tutte, con punteggi superiori al 90% in tre test su quattro.

Bene ma non benissimo per i tre cugini Rifter, Berlingo e Combo del gruppo francese che hanno guadagnato 4 stelle su 5 nonostante i numerosi sistemi di assistenza alla guida (ADAS): ad abbassare il punteggio complessivo qualche problema con la frenata autonoma di emergenza (AEB) nel sopraggiungere improvviso di pedoni e ciclisti, i cosiddetti utenti deboli della strada.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pneumatici invernali o all season? Michelin rinnova la gamma

next
Articolo Successivo

Tesla, terzo trimestre in attivo. Guadagnati 311,5 milioni di dollari

next