La tensione tra Usa e Russia, a due decenni dalla fine della Guerra fredda, torna a riguardare le armi nucleari. Il presidente statunitense Donald Trump ha annunciato di voler ritirare il proprio Paese dall’accordo Inf (Intermediate-Range Nuclear Forces), il trattato firmato nel 1987 da Ronald Reagan e Michail Gorbacev che imponeva a entrambi gli Stati la distruzione dei missili balistici a medio raggio. “Sono anni che la Russia viola l’accordo”, ha detto Trump ai giornalisti a margine di un comizio ad Eiko, in Nevada, “non permetteremo più che fabbrichino armi nucleari mentre a noi non è permesso. Noi abbiamo onorato l’impegno, ma loro sfortunatamente no. Non so perché il presidente Obama non si sia già ritirato”.

Non solo: gli Stati Uniti sono pronti a intercettare e distruggere i missili russi dispiegati in violazione del trattato. “Abbiamo le prove che la Russia sta costruendo un missile a medio raggio vietato, che potrebbe colpire l’Alaska o l’Europa“, ha dichiarato l’ambasciatrice Usa alla NatoKay Bailey Hutchison. Le reazioni alla mossa Usa da parte dei paesi dell’alleanza atlantica sono contrastanti: mentre il segretario alla Difesa britannico, Gavin Williamson, afferma che il Paese è “pienamente al fianco degli Usa”, il sottosegretario tedesco agli Esteri Niels Annen ha parlato di “decisione disastrosa“. “L’Europa ora deve evitare una nuova corsa ai missili“, ha avvertito.

Dal Cremlino, invece, invitano Trump a considerare attentamente la propria scelta. “Sarebbe un passo molto pericoloso che, sono sicuro, non sarà capito dalla comunità internazionale e si attirerà anche delle condanne gravi”, ha detto il viceministro degli Esteri russo, Sergej Riabkov, all’agenzia di stampa russa Tass. Questo trattato è “significativo per la stabilità internazionale e la sicurezza nucleare“, ha aggiunto. Per concludere: “Se gli Stati Uniti continuano ad agire in modo maldestro e a ritirarsi unilateralmente dai trattati internazionali, allora non avremo altra scelta se non quella di adottare misure di ritorsione, anche sulla tecnologia militare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Povertà, politici e Banca Mondiale: è tutta un’impostura

prev
Articolo Successivo

Egitto, come le armi francesi sono state usate per stroncare il dissenso

next