All’arrivo di Luigi Di Maio al Circo Massimo dove è in corso ‘Italia 5 Stelle’ i No Tap arrivano com magliette e striscioni “Tap = come tradire Grillo e il Salento”. Gli attivisti M5S che si oppongono all’opera non riescono a fermare Di Maio stretto tra selfie e telecamere. “Il Governo ce la potrebbe fermare il Tap, certo che c’è il rischio che alla fine si faccia, ma almeno questo governo ci sta provando, quello che gli altri governi non hanno mai fatto” afferma un militante pentastellato. “Noi restiamo fiduciosi che questo governo ci riesca a fermare Tap” spera un’altro attivista – le penali? Per noi sono un’incognita a nostro avviso non dovrebbero esserci”.

“Abbiamo chiesto a Cioffi di pubblicare i costi delle penali” afferma un’altra attivista. “M5s se decide di andare avanti se ne prenderà le responsabilità e tutte le denunce che partiranno dal Salento – ma spera – M5S è ancora in tempo per mantenere la loro promessa elettorale di fermare il Tap e se invece hanno le mani legate ci dicessero cosa lega le loro mani”. Poi nel mirino delle critiche dei No Tap, finisce il leader della Lega, Matteo Salvini: “Lo aspettiamo a Melendugno. Lui dice che gli italiani vengono prima di immigrati ed europei: eccoci, ora ascolti noi pugliesi e salentini”. Poi un auspicio: “Ci aspettiamo una parola da Grillo sul palco, perché sappiamo che lui è con noi” concludono.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Leopolda, Renzi: “Foa è un bugiardo, una fake news vivente. Schede segnate per la sua elezione”

prev
Articolo Successivo

Conte: “Governo durerà, se ne facciano una ragione. Ho ridotto stipendio e scorta”. Di Maio: “Ora nuovo gruppo Ue”

next