“Il Movimento è cresciuto talmente tanto che se lo guardi non lo riconosci più” ma “la nostra anima è sempre la stessa, non può cambiare perché è il nostro dna”. E’ uno dei passi della lettera scritta da Luigi Di Maio agli attivisti e ai militanti del Movimento 5 stelle, e che il vicepremier ha letto a Italia 5 Stelle chiudendo il suo intervento dal palco. “Possono dirci populisti, possono massacrarci sulle loro televisioni, insultarci sui loro giornali, ma noi verremo sempre a combattervi con lo spirito di sempre”, perché aggiunge, “stiamo curando le ferite profonde del Paese”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italia 5 stelle, Di Maio: “Qui nessuno si è montato la testa. Prendetemi a calci se chiedo di chiamarmi ministro”

prev
Articolo Successivo

Italia 5 stelle, il Di Maio “di governo” rassicura la base: “Il Movimento cambia. Ma ricordiamo chi siamo, fedeli ai nostri valori”

next