“Oggi c’è un importante Consiglio dei ministri in cui chiariremo la questione del condono: daremo due copie del testo a Salvini, così non si sbaglierà più: l’articolo 9 non è mai stato letto. Ma ora smettiamola e andiamo avanti senza condono”. Così il vicepremier Luigi Di Maio, parlando con i cronisti torna sullo scontro circa il testo del dl fiscale a un’ora da un nuovo Cdm.

Di Maio poi replica alle condizioni poste da Salvini: “Non c’è una trattativa su altri decreti. Per tutti gli altri decreti l’ho detto chiaramente: sul decreto immigrazione se riusciamo a vederci un attimo chiudiamo l’accordo su tutti gli emendamenti”. E sulla polemica intorno al condono edilizio denunciato dalle Lega, contenuto nel Decreto emergenze, Di Maio nega: “Ischia? Condono risale a 2003, lo votò la Lega, qui c’è alcun condono, vogliamo solo aiutare la ricostruzione accelerando le pratiche già esistenti di un condono che risale al 2003, che fra l’altro è stato votato dalla Lega”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Condono, il vicepremier Salvini: “Chiederò anch’io una copia del decreto”. Di Maio: “Via il condono, lasciamo la pace fiscale”

next
Articolo Successivo

Italia 5 stelle, Patuanelli (M5s): “Lega? Ci fidiamo ancora, altrimenti metteremmo fine all’esperienza di governo”

next