“Ogni volta che si tratta di valutare o proporre il nome di una donna per un posto da docente, si scatena il finimondo“. La denuncia arriva dal rettore dell’Università Normale di Pisa Vincenzo Barone che, in un’intervista a Il Giorno, racconta come sia difficile promuovere le donne nello storico ateneo. “Preparazione, merito e competenze“, spiega Barone, “dovrebbero essere i soli criteri per valutare un accademico” e invece arrivano “calunnie belle e buone, con l’aggiunta, come accaduto in anni recenti, di lettere anonime e notizie false diffuse ad arte“.

Messaggi “offensivi, con espliciti riferimenti sessuali, volgari e diffamatori. Anche se missive anonime sono state utilizzate per colpire pure candidati uomini”, aggiunge il Rettore. “Non mi stupirei – continua Barone – visto il clima, di vedere prima o poi anche attacchi magari sulle tendenze omosessuali di qualcuno”. “Noi dobbiamo uscire, aprirci, essere innovativi e vincere, come stiamo facendo, la scommessa del futuro – sottolinea – Qui contano merito, studio, competenza. Il resto sono pettegolezzi“.

“Sono stato anche tacciato di voler assumere delle incompetenti – dice ancora Barone – Ma il problema dobbiamo porcelo: non è possibile che non ci sia nessuna docente donna brava, preparata e meritevole di un posto alla Normale”. Ma nonostante tutti gli impedimenti, il Rettore è riuscito comunque ad assumere una donna: “Evviva – dice – È appena arrivata a Pisa la professoressa Annalisa Pastore. Un record assoluto in 208 anni di vita della Scuola: è il primo ordinario della classe di Scienze”.

Non è la prima volta che il rettore Barone pone l’attenzione sulla disparità di trattamento tra uomini e donne alla Normale: già nel 2016 infatti, aveva denunciato come “nella sede di Pisa abbiamo 35 professori e solo tre sono donne: è una situazione imbarazzante, completamente sbilanciata in favore degli uomini, non si può andare avanti così”. Per ovviare al problema, aveva lanciato così una proposta che fece molto discutere: “Quando facciamo un concorso, a parità di risultati tra concorrenti, scegliamo la concorrente donna. Questo non snatura il nostro metodo di selezione, che è interamente basato sul merito“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da Pari Opportunità a matriarcato, perché chi rivendica la supremazia delle donne mi fa inorridire

next
Articolo Successivo

Lo Stato disabile

next