È stata liberata la donna che veniva tenuta in ostaggio in una farmacia della stazione centrale di Colonia. La polizia è intervenuta e ha arrestato il sequestratore che ora risulta gravemente ferito ed è in rianimazione. La donna, secondo le informazioni in possesso dei media, è stata solo lievemente ferita. Le ragioni del gesto sono ancora sconosciute.

L’uomo, un 60enne, è stato fermato grazie a un intervento massiccio delle forze dell’ordine della città della Renania Settentrionale-Westfalia. Dopo aver evacuato la stazione e l’area di Breslauer Platz, gli agenti si sono messi in contatto con il sequestratore prima dell’azione del commando delle forze speciali Sek.

Alcuni testimoni raccontano di aver sentito due forti rumori all’interno della stazione. Non è chiaro però se sia trattato di colpi di pistola o di alcuni ordigni incendiari. Secondo Ntv, l’uomo avrebbe precedentemente aggredito anche una ragazza di 14 anni, prima di lasciarla scappare, e avrebbe provocato un incendio in un altro locale prima di barricarsi nella farmacia. La ragazza è ricoverata in ospedale con lieve ferita da ustione. La polizia non ha voluto confermare queste ultime notizie, affermando solo che è stato necessario anche l’intervento dei vigili del fuoco.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jamal Khashoggi, media turchi: “Il suo corpo forse è stato sciolto nell’acido”

next
Articolo Successivo

Cambiamento climatico, Trump ci ripensa “Non penso che sia una bufala”

next