Un errore, o forse uno “scherzo“, di un dipendente. Non è ancora chiaro che cosa sia successo, ma quel che è certo è che la tessera sanitaria della Regione Sicilia è stata inviata anche alla sindaca di Roma, Virginia Raggi. A segnalare l’anomalia è la stessa prima cittadina. La sindaca, infatti, subito dopo aver ricevuto la tessera ha protocollato una lettera dove annunciava la restituzione della carta.

Il governatore Nello Musumeci ha ovviamente ordinato subito di compiere degli accertamenti: a scrivere il nome della sindaca nell’elenco delle persone destinatarie delle nuove tessere sanitarie sarebbe stato un lavoratore di una delle Aziende sanitarie provinciali dell’isola. L’assessorato regionale alla Sanità ha avviato subito delle verifiche, ma al momento non sembrerebbero esserci altri nomi “anomali” tra quelli inseriti. In corso i controlli anche sul dipendente: non è ancora chiaro se sia stato un errore voluto o meno.

La lettera di “denuncia” della pentastellata, come rivela il sito Blogsicilia, è stata inviata il 5 ottobre scorso ai ministri della Salute e dell’Economia, al presidente della regione Sicilia e al direttore dell’Agenzia delle entrate. “Ho ricevuto per posta la mia nuova tessera sanitaria, in sostituzione della precedente ormai scaduta. L’invio era accompagnato da una lettera a firma del presidente della Regione Sicilia. Mi informava che la mia tessera sanitaria era anche una ‘Carta regionale dei servizi’ grazie alla quale avrei potuto usufruire di specifici vantaggi indirizzati ai cittadini residenti in Sicilia, caso che non era evidentemente il mio. Si è trattato, dunque, di un errore”, scrive la Raggi sottolineando il bisogno di ulteriori accertamenti per sapere se il suo sia un caso isolato o meno. “In considerazione di ciò – chiosa la sindaca nella missiva – vi informo che, con una comunicazione successiva a parte, provvederò a restituire la tessera sanitaria all’Agenzia delle entrate”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pisa, la giunta di destra si spacca sulla moschea. Lega: “Chi la vuole si deve dimettere”

prev
Articolo Successivo

Foggia, aggredisce direttore Cara per 50 euro: arrestato migrante. Ed è ancora polemica tra Sap e Comitato lavoratori

next