Ha aperto sopra la soglia psicologica dei 300 punti, poi si è assestato intorno a 290 punti base e ha chiuso a 295, con il rendimento del titolo decennale italiano al 3,45%. Ma sebbene lo spread tra Btp e Bund tedesco resti uno dei principali indicatori per valutare l’atteggiamento dei mercati nei confronti del governo Lega-M5s, è un altro l’elemento di novità che nella giornata di mercoledì ha reso palese la percezione del rischio Italia da parte degli investitori: il tasso di interesse dei Bot a un anno. Che è più che raddoppiato nel giro di un mese.

Il ministero dell’Economia ha venduto all’asta 6 miliardi di euro di titoli annuali pagando un rendimento dello 0,949%, contro lo 0,436% dell’asta dello scorso 12 settembre e il -0,334% di ottobre 2017. In un mese il tasso di interesse è raddoppiato, arrivando a toccare i massimi dal 2013, quando il 10 ottobre il rendimento del Bot annuale si attestò sullo 0,999%. In frenata la domanda, che ha raggiunto i 9,763 miliardi di euro con un rapporto di copertura in discesa a 1,63 da 1,91 dell’asta del mese scorso.

In profondo rosso invece Piazza Affari, che ha aperto debole e dopo una breve parentesi in positivo a metà giornata ha aggravato le perdite chiudendo a -1,71%.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manovra, dopo giornata tesa le borse chiudono positive. Spread s’infiamma e poi scende sotto i 300 punti

next