La foto su Instagram è troppo scollata e giù botte. È stata la 22enne studentessa Melissa Gentz a denunciare il fidanzatino 25enne, il miliardario brasiliano Erick Bretz, che dopo un violento attacco di gelosia l’ha picchiata ferocemente riducendole il viso ad un ammasso di lividi ed escoriazioni da film horror. Bretz e Gentz si erano conosciuti tre mesi fa in Brasile a Belo Horizonte, ma l’atto di violenza domestica è avvenuto a Tampa in Florida, dove la ragazza studia biologia all’University Southern of Florida. Secondo il racconto della Gentz, dopo una serata passata a seguire un film sul divano il fidanzato sarebbe andato su tutte le furie per via di una fotografia postata giorni prima da lei su Instagram. Nello scatto la Gentz appare a mezzo busto vestita con un top nero. Dopo qualche decina di minuti l’uomo ha iniziato a picchiarla e calciarla sul viso e sul corpo, a strapparle capelli, e l’ha sbattuta contro un mobile. “Sto ripubblicando questa foto perché il mio fidanzato l’ha cancellata senza il mio permesso – ha scritto su Instagram la Gentz il 24 settembre mostrando lo scatto incriminato seguito poi dalle foto post aggressione – Mi ha detto che le donne fidanzate non possono pubblicare foto che mostrano il loro seno. Ora voglio lanciare un messaggio a tutte le ragazze che vivono una situazione simile di ribellarsi e troncare il rapporto prima che sia troppo tardi”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Estou repostando essa foto porque meu ex namorado deletou ela sem eu ver. Ele disse que mulher com namorado não podia ter foto “mostrando os seios” no Instagram. Eu peço que TODAS as mulheres possam ter força e coragem para terminar relacionamentos abusivos como o meu último. Começou com reclamações das minhas fotos no Instagram, depois dos comentários nas fotos, mensagens que eu recebia no Whatsapp… até que ele me pegou pelo cabelo disse que eu precisava aceitar minha realidade porque eu era a mulher da relação. Um homem que te trata assim não te respeita e não te vê como ser humano. Ele não vai mudar. Se coloque em primeiro lugar sempre antes que seja tarde demais. ??? I am reposting this picture because my ex-boyfriend deleted it without my consent. He told me that women with boyfriends could not have pictures “showing their breasts”. I am asking ALL Women to have the strength and courage to end abusive relationships like my last one was. It all started with complaints about my Instagram photos, then about comments on the photos…to text messages that I received on my phone… There came the day in which he grabbed me by my hair and told me that I had to accept my reality because I was the woman in the relationship. A man that treats you like this does not respect you or see you as a human being. He is not going to change. Always put yourself in first place… before it is too late.

Un post condiviso da ??????? ? ????? (@melissalgentz) in data:

Bretz, figlio di un miliardario brasiliano possessore di una catena di supermercati, nonché abile pilota di motocross, ha negato ogni accusa ma è finito comunque nel carcere di Tampa, da dove è uscito pagando una cauzione di 60mila dollari. Secondo il rapporto della polizia locale l’uomo aveva preso dei sonniferi, bevuto quattro birre e una bottiglia di vino. Dopo essere uscito dal carcere l’uomo è finito sotto custodia restrittiva e non può avvicinarsi al campus universitario dove risiede momentaneamente la Gentz. Le foto della ragazza con il volto tumefatto hanno però cominciato a fare il giro dei social, registrando oltre un milione di like, e l’attenzione e il supporto di diverse star della tv brasiliana come l’attore Joao Vicente de Castro e la modella Luiz Brunet che ha commentato: “Donne, per l’amor di Dio, prestate attenzione a questi “segni” nelle persone che vi stanno accanto. Ora uniamoci, il tempo del silenzio è passato”. Secondo quanto riporta il Daily Mail il profilo Instagram di Melissa Gentz è balzato dai 2000 follower agli oltre 220mila dopo che la sua storia è diventata di dominio pubblico online.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Sabe como temos um lado do nosso rosto que geralmente gostamos mais? Eu gosto do meu lado esquerdo, infelizmente o lado que foi mais marcado pela violência. Hoje foi o primeiro dia que resolvi passar rímel e blush no lado direito do meu rosto. Não vou esconder as marcas da minha história porque NENHUMA mulher precisa ter vergonha ou se sentir culpada por ter sido violentada. ??? You know how we usually have a side of our face that we prefer more than the other? I like my left side. Unfortunately, it’s the side that was severely bruised by violence. Today was the first day in which I felt like passing some mascara and blush on the right side of my face… I won’t hide the marks of my story because NO woman should feel ashamed of feel blamed for being a victim of domestic violence.

Un post condiviso da ??????? ? ????? (@melissalgentz) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Eleonora Giorgi: “Sapessi Zucchero come l’ho visto. Zozzone, tutto ubriaco…”

prev
Articolo Successivo

Rose McGowan al Sunday Times: “Il #MeToo? Una montagna di stronzate. Le attrici attiviste sono codarde e perdenti”. Poi ritratta con un tweet

next