Cittadini, commercianti, sfollati. Oltre tremila abitanti della Valpolcevera, il quartiere rimasto fuori dalla città dopo il crollo del Ponte Morandi, sono scesi in piazza per chiedere fatti anziché promesse. Un coordinamento spontaneo, senza partiti e sindacati, che ha unito commercianti e sfollati: “Siamo pericolosi perché non ci faremo strumentalizzare né dal governo né dell’opposizione, vigileremo che alle promesse seguano i fatti e si sblocchi questa parte della città che sta morendo” spiega Emilio Rizzo, tra gli organizzatori della manifestazione. Il corteo ha attraversato la città fermandosi in piazza De Ferrari, dove i manifestanti hanno accolto con fischi, cori e un tentativo di “accerchiamento” il sindaco (e commissario) Marco Bucci e il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che stavano facendo il loro ingresso in Regione: “Sanità, lavoro, strade, vogliamo risposte! Fateci entrare!”. I manifestanti hanno consegnato due “regali” ai rappresentanti delle istituzioni: un fazzoletto col nodo “perché ricordi tutte le promesse fatte” e una sveglia per tutta la Regione: “perché si diano una bella svegliata”.
Una delegazione è stata ricevuta e alle 13 è previsto l’incontro con il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, questa mattina in Prefettura a Genova per un incontro bilaterale con la commissaria europea ai Trasporti, Violeta Bulc. Anche per il ministro, i manifestanti hanno pronta una “sorpresa”, un modellino di Certosa (rappresentata da un muro sotto al ponte crollato), che vogliono consegnargli, “così lo porta da Vespa la prossima volta che è ospite”. Dal giorno del crollo del ponte, questa è la prima, vera contestazione per chiedere certezze sul futuro e sul lavoro della città.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Genova, la protesta dei commercianti in piazza con gli sfollati: “Siamo isolati, così rischiamo di chiudere” – FOTO e VIDEO

prev
Articolo Successivo

Verona, Forza nuova offre la tessera onoraria alla consigliera Pd anti-aborto. “Integrità morale e coerenza cattolica”

next