Un vecchio diverbio che si è trasformato in tragedia. È questa la causa dietro alla morte di Raffaelle Perinelli, 21enne di Napoli, figlio di un camorrista ucciso in un agguato nel 2003, accoltellato da un venditore ambulante di dieci anni più grande che si è poi costituito alla polizia.

I due, ha raccontato l’assalitore, si sono incontrati casualmente venerdì sera, intorno alle 21.00, in via Janfolla, nel quartiere Miano dove risiedeva Perinelli. La situazione è presto degenerata in un nuovo litigio, dopo che i due avevano già avuto una discussione pochi giorni prima. L’omicida, incensurato, ha così estratto un coltello ferendo il giovane al petto prima di fuggire. La vittima è stata trasportata all’ospedale Cardarelli di Napoli dove, però, è morta poco dopo.

Dopo poche ore, l’assalitore si è presentato alla caserma dei Carabinieri di Casoria e ha confessato il delitto. Ora le forze dell’ordine hanno avviato un’indagine per verificare la veridicità del racconto. Agli uomini dell’arma, il 31enne ha raccontato di aver deciso di andare in giro con un coltello da quando aveva avuto il primo diverbio con Perinelli, per paura di essere aggredito dal ragazzo.

Il padre della vittima era un uomo vicino ai clan e ucciso nel 2003 in un agguato di camorra, ma Raffaele, secondo i primi racconti, aveva scelto una strada completamente diversa. Voleva diventare un calciatore e per questo si era tenuto lontano dalla criminalità organizzata. Non a caso era incensurato. Aveva iniziato a giocare nelle giovanili del Sant’Agnello, due anni fa aveva militato nel Gragnano e poi nella Turris. Era considerato un buon terzino sinistro e attualmente, dopo aver lasciato la formazione torrese, era in attesa di un nuovo ingaggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, centinaia al Salario contro il tmb Ama: “Basta puzza, impianto va chiuso”

prev
Articolo Successivo

Venezia, respinta al colloquio di lavoro perché di colore: “Non voglio persone come te, potresti fare schifo ai clienti”

next