Oltre alla Calabria, dove si registrano i danni più gravi e due vittime, anche Sicilia e Puglia sono flagellate dall’ondata di maltempo che ha colpito il Sud Italia. Su Catania si sono rovesciati due temporali consecutivi nelle giornate di mercoledì e giovedì: alcune strade centrali della città, tra cui la centralissima via Etnea, si sono trasformate in fiumi in piena, con l’acqua che è arrivata a ricoprire le auto posteggiate. L’interno dell’ex Pretura di via Crispi, sede distaccata del Tribunale, è stato allagato dalla pioggia. Oltre un centinaio gli interventi dei Vigili del fuoco.

Le zone maggiormente colpite sono quella industriale e quella dell’aeroporto, oltre ai rioni San Giuseppe la Rena, Villaggio Santa Maria Goretti e la Plaia. Le scuole sono rimaste chiuse per ordinanza del sindaco, Salvo Pogliese: il maltempo ha infatti spinto l’amministrazione comunale ad avviare una verifica degli edifici scolastici per constatare eventuali danni arrecati dalla pioggia. Per la giornata di venerdì sono previste altre precipitazioni sparse: la protezione Civile ha diramato l’allerta gialla, quella di grado più basso.

In Puglia, invece, dalle prime ore del mattino è stata interrotta la circolazione dei treni sulla linea Bari-Taranto, tra Palagiano, Mottola e Bellavista, per guasti agli impianti di circolazione. I treni sono stati fatti fermare a Gioia del Colle e sostituiti con bus. Intorno alle 10.30 i guasti sono stati riparati e la circolazione è ripresa, anche se con ritardi. Ritardi sino ad un’ora si sono verificati anche sulla linea Bari-Lecce, tra Bari Torre a Mare e Bari Centrale, e sulla Brindisi-Taranto, tra Francavilla Fontana e Nasisi. 

A Gioia del Colle, i Vigili del fuoco hanno soccorso una mamma rimasta bloccata con due bambini nella propria auto, ferma in panne nei pressi di una rotonda sulla strada per Acquaviva delle Fonti. A Santeramo in Colle, invece, un fulmine ha colpito alcune balle di fieno in campagna, provocando un incendio per il quale è stato necessario l’intervento dei pompieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto, il commento del consigliere sotto la foto di un lupo ucciso: “Il prossimo sarà uno della Lav”

next