Oltre alla Calabria, dove si registrano i danni più gravi e due vittime, anche Sicilia e Puglia sono flagellate dall’ondata di maltempo che ha colpito il Sud Italia. Su Catania si sono rovesciati due temporali consecutivi nelle giornate di mercoledì e giovedì: alcune strade centrali della città, tra cui la centralissima via Etnea, si sono trasformate in fiumi in piena, con l’acqua che è arrivata a ricoprire le auto posteggiate. L’interno dell’ex Pretura di via Crispi, sede distaccata del Tribunale, è stato allagato dalla pioggia. Oltre un centinaio gli interventi dei Vigili del fuoco.

Le zone maggiormente colpite sono quella industriale e quella dell’aeroporto, oltre ai rioni San Giuseppe la Rena, Villaggio Santa Maria Goretti e la Plaia. Le scuole sono rimaste chiuse per ordinanza del sindaco, Salvo Pogliese: il maltempo ha infatti spinto l’amministrazione comunale ad avviare una verifica degli edifici scolastici per constatare eventuali danni arrecati dalla pioggia. Per la giornata di venerdì sono previste altre precipitazioni sparse: la protezione Civile ha diramato l’allerta gialla, quella di grado più basso.

In Puglia, invece, dalle prime ore del mattino è stata interrotta la circolazione dei treni sulla linea Bari-Taranto, tra Palagiano, Mottola e Bellavista, per guasti agli impianti di circolazione. I treni sono stati fatti fermare a Gioia del Colle e sostituiti con bus. Intorno alle 10.30 i guasti sono stati riparati e la circolazione è ripresa, anche se con ritardi. Ritardi sino ad un’ora si sono verificati anche sulla linea Bari-Lecce, tra Bari Torre a Mare e Bari Centrale, e sulla Brindisi-Taranto, tra Francavilla Fontana e Nasisi. 

A Gioia del Colle, i Vigili del fuoco hanno soccorso una mamma rimasta bloccata con due bambini nella propria auto, ferma in panne nei pressi di una rotonda sulla strada per Acquaviva delle Fonti. A Santeramo in Colle, invece, un fulmine ha colpito alcune balle di fieno in campagna, provocando un incendio per il quale è stato necessario l’intervento dei pompieri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Veneto, il commento del consigliere sotto la foto di un lupo ucciso: “Il prossimo sarà uno della Lav”

prev
Articolo Successivo

Maltempo Calabria, morti una donna e il figlio di 7 anni a Lamezia. Disperso bimbo di 2. Crolla un ponte nel lametino

next