In Europa “ci sono delle regole che sono state sottoscritte. Uno può decidere di non rispettarne alcune ma l’altra parte è legittimata a dire che sono state violate. Non ci si può offendere. . Nei giorni in cui è altissima la tensione tra il governo gialloverde e la Commissione europea in vista della presentazione della manovra, il ministro dell’Economia Giovanni Tria abbassa i toni e, partecipando alla presentazione del rapporto dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile alla Camera, ammette che la Nota di aggiornamento al Def non rispetta le regole e ora “bisogna spiegare quali sono le ragioni di questo e quali sono gli obiettivi. Su questo si gioca il futuro”.

“E’ una questione delicata“, ha sottolineato il titolare del Tesoro. “Tutto il complesso delle regole europee devono essere discusse con calma e bisogna convincere tutti i paesi che stiamo andando verso la disgregazione e bisogna puntare sulla sostenibilità finanziaria certamente ma anche sociale”. Per questo “il reddito di inclusione è stato un passo avanti ma non è bastato, è evidentemente insufficiente. Le elezioni hanno indicato che c’è questo malessere”. La disuguaglianza sociale è cresciuta e di fronte a questo bisognava intervenire cercando di mantenere la sostenibilità finanziaria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ue, Moscovici: “L’Europa rischia di implodere o essere sovvertita da estrema destra di Salvini, Le Pen o Orban”

next