Scontro sulla manovra tra il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio,e la Commissione europea. Dopo le parole del commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, e la bocciatura arrivata dal vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombroviskis (“Il Def non sembra compatibile con le regole del Patto“), da Roma è il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico a replicare: “Stamattina a qualcuno non andava bene che lo spread non si fosse impennato. Moscovici, che non è italiano, si è svegliato e ha pensato bene di fare una dichiarazione contro l’Italia, contro il Def italiano e creare tensione sui mercati”. E ancora: “Qualche istituzione europea, con le sue dichiarazioni, gioca a fare terrorismo sui mercati. Per fortuna la Borsa sta per chiudere. Da domani continueremo a spiegare che il 2,4 per cento non è una misura molto lontana da quella che facevano altri. Solo che se lo fanno la Lega e il M5s non va bene”
Sul nodo delicato della ‘pace fiscale‘, bollato come l’ennesimo condono da opposizioni e non solo, Di Maio invece ha continuato a ‘nicchiare’: “Il tetto a 500mila euro voluto dalla Lega troppo altro? Scoprirete nel Def la soglia. Noi non votiamo un condono, vogliamo solo aiutare chi non ce la fa”. Ma come farà il governo a distinguerli dagli evasori, considerato pure che l’Agenzia delle entrate, che ha a disposizione l’Anagrafe dei rapporti finanziari (con le informazioni su flussi e saldi di conti correnti e depositi, ndr) non incrocia nemmeno i dati con gli elenchi dei debitori? “Basta guardare le categorie”, ha tagliato corto il vicepresidente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Dl Salvini sui migranti al Quirinale: modificato l’articolo sullo stop alla protezione internazionale

next
Articolo Successivo

Ammortizzatori sociali, Di Maio: “Prima della legge di bilancio li ripristineremo. Smantelliamo altro pezzo di Jobs Act”

next