“Serve un nuovo Pd per una nuova sinistra. Noi siamo fondamentali. Lo dico senza arroganza, ma senza di noi non ci sarà una sinistra in Italia. Non servono tifosi, ma persone che sentano l’unità di destino”. Lo ha detto Maurizio Martina parlando dal palco della manifestazione del Pd a Roma. I manifestanti hanno risposto con una ovazione e ritmando “unità, unità”, come altre tre volte era accaduto prima del discorso di Martina. “Non pronuncerò una parola sull’unità – ha aggiunto tra gli applausi -, perché quando sei dirigente ci sono cose che non devi dire agli altri ma devi praticarle. A noi serve una svolta, perché contro questa destra non basta quello che siamo stati finora”. “Agli elettori che il 4 marzo non ci hanno votato – ha proseguito – diciamo: abbiamo capito. Vedo i nostri limiti, ma chiedo a tutti ‘dateci una mano‘ perché questo governo è troppo pericoloso”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, l’abbraccio tra Renzi e Gentiloni alla manifestazione Pd. L’ex segretario: “Governo scherza con il fuoco”

next
Articolo Successivo

Pd in piazza a Roma, Martina: “Non si governa con odio. Ministri passano tempo a insultare, vergogna”

next