È ufficiale: Silvio Berlusconi è il nuovo proprietario del Monza calcio. La buona riuscita dell’operazione, già data per certa nelle scorse settimane, è stata annunciata in una nota della cassaforte di famiglia: “Fininvest S.p.A. ha finalizzato in data odierna l’acquisizione del 100% della Società Sportiva Monza 1912. L’Assemblea dei Soci ha deliberato la nomina del nuovo Consiglio di amministrazione, composto da Nicola Colombo (presidente), Paolo Berlusconi, Adriano Galliani, Roberto Mazzo e Danilo Pellegrino. Successivamente, il Consiglio ha nominato Adriano Galliani amministratore delegato della società”.

L’ex proprietario Nicola Colombo, quindi, conserva la carica di presidente, e Adriano Galliani sarà l’ad. Fininvest ha acquisito l’intero pacchetto azionario della società, mentre in un primo momento si era parlato del 70 o dell’80%, con una parte delle quote trattenuta dai vecchi proprietari. Da settimane circolano indiscrezioni sulle prime mosse della nuova proprietà: dalla ristrutturazione dello stadio Brianteo (a 7 km in linea d’aria da villa San Martino, residenza di Berlusconi) all’ingaggio di un nome che faccia sognare i tifosi, magari un’ex stella del Milan a fine carriera. L’obiettivo dichiarato è portare il club biancorosso in serie A, per la prima volta nella storia. Il Monza, infatti, conserva il curioso primato di squadra con più stagioni in serie B senza mai una promozione nel massimo campionato.

“Faccio un grosso in bocca al lupo al presidente Berlusconi e a Galliani che domani torneranno nel calcio. Non potevano starne lontani e magari tra due anni ce li troviamo contro”, ha detto l’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, che con il duo dirigenziale ha vinto uno scudetto ai tempi del Milan. “È un’operazione romantica, un atto d’amore del presidente Berlusconi e del sottoscritto”, aveva detto Galliani. Per poi aggiungere: “Sogno un derby Milan-Monza entro il 2020”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europei 2024, sarà la Germania a ospitare la competizione. Battuta la candidatura della Turchia

prev
Articolo Successivo

Volley, inutile successo dell’Italia contro la Polonia: azzurri fuori dal Mondiale. “Ma dovevamo vincere per i nostri tifosi”

next