Non è un abbattimento controllato, ma una uccisione premeditata. Un giovane adulto di lupo è stato ammazzato nella campagna veronese, colpito al collo con un fucile caricato a pallettoni. È stato trovato da un agricoltore della zona e la carcassa è stata trasportata nella sede veronese dell’Istituto zooprofilattico per l’autopsia che dovrà accertare le cause del decesso. Il lupo, che pesava una quarantina di chili, è il primo esemplare della specie ucciso in Veneto. Ma la caccia al lupo è vietata, si tratta di una specie protetta, anche se da tempo gli allevatori chiedono che venga autorizzata quella programmata, per ridurre le razzie e i danni agli allevamenti.

Puntuale, è scattata la polemica politica. In Veneto giace una proposta di legge del capogruppo leghista Nicola Finco che prevede gli abbattimenti per difendere gli allevatori e prevenire le continue razzie di greggi. L’assessore regionale all’Agricoltura, Giuseppe Pan, ha accusato il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, che si è sempre detto contrario a qualsiasi forma di caccia al lupo: “Il protrarsi delle non decisioni in sede nazionale ed europea – ha dichiarato Pan – non fa che esasperare gli animi. Non posso non mettere in connessione questo grave episodio con l’alto clima di tensione che si è venuto a creare nella aree montane del Veneto, tradizionalmente vocate alla pastorizia e all’allevamento, di fronte al proliferare incontrollato del lupo. Purtroppo lo status di protezione totale e di intoccabilità del lupo, sancito dalla legislazione europea e nazionale, mette in crisi l’equilibrio ecologico tra prede e predatori”.

Ad accusare la Regione, dopo l’uccisione del lupo che è avvenuta a Roverè Veronese, all’esterno del Parco della Lessinia, sono, invece, gli animalisti e i partiti di opposizione alla giunta di centrodestra. Probabilmente l’autore è un cacciatore che si è trovato di fronte l’animale e non si è fatto scrupolo a sparare. Andrea Zanoni, consigliere regionale del Pd ha dichiarato: “Era solo questione di tempo, la Regione è totalmente assente sul fronte della gestione del lupo e spero adesso abbia almeno la decenza di costituirsi parte civile nell’eventuale processo all’autore del gesto”. Massimo Vitturi, responsabile LAV Animali Selvatici: “Se davvero il lupo fosse stato ucciso con un comune fucile, sarebbe maggiore la difficoltà nel rintracciare l’autore di questo gesto ignobile”. E ha aggiunto: “Questo è l’ultimo di una lunga serie di atti di bracconaggio, certamente un gesto individuale ignobile, ma anche il prodotto di comportamenti politici errati, come i vari tentativi di derogare al divieto assoluto di uccisione, uno tra tutti il progetto di Legge regionale della maggioranza, o il lungo iter di approvazione, non ancora concluso, di un Piano lupi che potrebbe reintrodurre la possibilità di uccidere questi animali”.

Attualmente in Veneto i lupi sono circa una quarantina. Sulla linea degli allevatori, il presidente del consiglio regionale, Roberto Ciambetti (Lega): “I danni creati dai grandi predatori hanno portato all’esasperazione”. Idem per il capogruppo FdI, Sergio Berlato, da sempre vicino ai cacciatori: “Essi non sono interessati ai lupi. Il piano nazionale di gestione va approvato per impedire che la gente esasperata si difenda da sola”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Plastica, una tonnellata di rifiuti per ogni essere umano. Abolirla? Perché no?

prev
Articolo Successivo

Tamoil Cremona, la Cassazione conferma una condanna per disastro ambientale

next