“L’accordo prevede che nessuno all’Ilva di Genova perda il posto di lavoro e chi viene assunto godrà dei diritti dell’articolo 18”. Così il ministro del Lavoro e vicepremier, Luigi Di Maio, all’Ilva di Genova Cornigliano a margine del tavolo di aggiornamento sull’accordo di programma per garantire continuità occupazionale e di reddito per i 400 lavoratori la cui cassa integrazione e i lavori di pubblica utilità sono in scadenza a fine mese. Al tavolo con Di Maio tutti i firmatari dell’accordo: il sindaco di Genova, Marco Bucci, il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, i rappresentanti di società per Cornigliano, Anas, Confindustria, autorità portuale, sindacati oltre ai tre commissari dell’Ilva e al nuovo acquirente Arcelor Mittal. Sono 1.474 gli operai impiegati all’Ilva di Genova, e l’accordo di programma, siglato nel 2005, ha permesso la chiusura degli impianti a caldo in cambio di garanzia occupazionale e di reddito per tutti i lavoratori. Per la Fiom la lotta non è finita: ”Vogliamo garanzie rispetto al fatto che tutti i lavoratori siano confermati nelle aree Ilva”.
Infine, sulla ricostruzione del Ponte Morandi, Di Maio conferma l’intenzione del governo di non affidare la ricostruzione ad Autostrade per l’Italia, mentre il “decreto Genova” verrà portato domani al Quirinale per la firma e l’inserimento in Gazzetta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Di Maio: “Chi ha fatto Jobs Act è assassino politico. Macron vuole più deficit? Dimostra che l’austerity è superata”

prev
Articolo Successivo

Regione Lazio, passa l’emendamento, M5s denuncia: “Da oggi possibile aggirare tetto dei contratti a tempo determinato”

next