“L’accordo prevede che nessuno all’Ilva di Genova perda il posto di lavoro e chi viene assunto godrà dei diritti dell’articolo 18”. Così il ministro del Lavoro e vicepremier, Luigi Di Maio, all’Ilva di Genova Cornigliano a margine del tavolo di aggiornamento sull’accordo di programma per garantire continuità occupazionale e di reddito per i 400 lavoratori la cui cassa integrazione e i lavori di pubblica utilità sono in scadenza a fine mese. Al tavolo con Di Maio tutti i firmatari dell’accordo: il sindaco di Genova, Marco Bucci, il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, i rappresentanti di società per Cornigliano, Anas, Confindustria, autorità portuale, sindacati oltre ai tre commissari dell’Ilva e al nuovo acquirente Arcelor Mittal. Sono 1.474 gli operai impiegati all’Ilva di Genova, e l’accordo di programma, siglato nel 2005, ha permesso la chiusura degli impianti a caldo in cambio di garanzia occupazionale e di reddito per tutti i lavoratori. Per la Fiom la lotta non è finita: ”Vogliamo garanzie rispetto al fatto che tutti i lavoratori siano confermati nelle aree Ilva”.
Infine, sulla ricostruzione del Ponte Morandi, Di Maio conferma l’intenzione del governo di non affidare la ricostruzione ad Autostrade per l’Italia, mentre il “decreto Genova” verrà portato domani al Quirinale per la firma e l’inserimento in Gazzetta.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Di Maio: “Chi ha fatto Jobs Act è assassino politico. Macron vuole più deficit? Dimostra che l’austerity è superata”

next
Articolo Successivo

Regione Lazio, passa l’emendamento, M5s denuncia: “Da oggi possibile aggirare tetto dei contratti a tempo determinato”

next