“Non ci sono ospedali, né biblioteche, né negozi. Esiste solo una struttura, una scuola, che vorremmo ricostruire per la comunità”. Parla Ilaria Citerei, 31 anni, volontaria impegnata nella ricostruzione di un edificio scolastico ad Haiti, distrutto due volte: la prima dal terremoto e la seconda dall’uragano. Ilaria collabora con Coditeh, organizzazione non governativa, che ad Haiti si occupa di educazione, sviluppo dell’agricoltura, supporto alle famiglie delle vittime delle devastazioni naturali e microfinanza per i piccoli commercianti.

La sfida più grande della ong oggi è rappresentata dalla ricostruzione urgente dell’unica scuola dell’area rurale di Doco – nel sud-est del Paese, ad un’ora d’auto da Port-au-Prince – in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico. Un’area duramente colpita dal terremoto del 2010 e dal passaggio dell’uragano Matthew nel 2016 in cui adesso si è formata una baraccopoli dove vivono oltre 60mila persone, quasi la metà composta da giovani, bambini e ragazzi in età scolare che non sanno né leggere né scrivere e non frequentano alcuna istituzione educativa: “Il nostro compito – racconta Ilaria – è quello di ricostruire un edificio, che al momento è una piccola struttura aperta, con tetto sorretto da un’intelaiatura metallica. La struttura, per mancanza di fondi e personale professionale, giace purtroppo in uno stato catastrofico”.

Riuscire a riparare la scuola e poter acquistare il materiale scolastico vorrebbe dire dare ai bambini di Doco la possibilità di tornare tra i banchi di scuola. “Sia all’esterno che all’interno della struttura ci sono buche da riempire e intelaiature da riparare, lavori per cui c’è bisogno di cemento, ferro e ghiaia – continua la Citerei – Qui c’è bisogno di tutto, vorremmo anche poter assicurare un pasto al giorno ai bambini purtroppo malnutriti”. Nasce da qui l’idea di lanciare una campagna di crowdfunding per trovare donazioni per ricostruire la scuola e realizzare un programma mirato a migliorare le condizioni scolastiche di 500 studenti, formare 50 insegnanti e fornire corsi professionalizzanti pomeridiani per 200 giovani della comunità.

“Per poter entrare in funzione – spiega Cotedih nella pagina di GoFundMe – il programma richiederà molto tempo ed un ingente numero di fondi (intorno ai 200mila euro), ma il primo passo da intraprendere è quello della ricostruzione immediata dell’infrastruttura per poter essere in grado almeno di cominciare con le classi primarie: per poter acquistare materiali di costruzione abbiamo urgentemente bisogno di 8.700 euro”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Affido condiviso, il ddl Pillon non consegni i bambini a genitori violenti

prev
Articolo Successivo

Papa: “Chi sfrutta i migranti ne renderà conto a Dio. Rinasce l’intolleranza, la politica non strumentalizzi la paura”

next