Che Chiara Ferragni sia una delle influencer più seguite e pagate del mondo è cosa nota. E la bionda moglie di Fedez, bisogna dirlo, quando si tratta di social, soprattutto di Instagram, non sbaglia un colpo. Per questo verrebbe quasi da scommettere che le due foto apparse nei giorni scorsi e che hanno fatto il giro delle rete, una con due pizze “magicamente rigenerate” e una con lei che cucina a fornelli spenti, altro non siano che la dimostrazione di quanto Chiara, alla fine, fa quel ca*** che le pare. Perché, va detto, l’ipotesi che lei o chi per lei (quindi il suo presumibilmente attentissimo staff) non si siano accorti dei due inghippi è piuttosto improbabile. E allora le cose sono due: mentre tutti se ne stanno lì ad aggiustare le foto in modo che risultino il più possibile realistiche, anche se è tutto “filtrato” e spesso lontano dal vero, la Ferragni & team se ne fregano del criterio di verosimiglianza. Tanto lo sappiamo che la bionda influencer non mangia carboidrati quasi mai e non cucina l’amatriciana. Oppure, Chiara sa esattamente quando l’attenzione verso di lei e il suo profilo comincia a calare e allora si autosottopone all’ironia della rete, diventando, spontaneamente, meme. In tutti e due i casi, la Ferragni fa le pentole, e pure i coperti.

p.s (Se invece non si sono proprio accorti dei due inghippi, beh, ogni commento sarebbe superfluo)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ferragni sisters love pizza ? (and our pizzas never end)

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Is it pasta time yet? ?

Un post condiviso da Chiara Ferragni (@chiaraferragni) in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inge Feltrinelli morta, si è spenta a 87 anni l’ultima editrice “rivoluzionaria”

prev
Articolo Successivo

Miss Italia, spuntano foto di nudo di Carlotta Maggiorana: rischia il titolo?

next