La guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti ha spinto il gruppo dell’e-commerce Alibaba a rivedere i piani per la creazione di circa 1 milione di posti di lavoro negli Usa nel corso dei prossimi 5 anni. Lo ha spiegato il fondatore e presidente del portale, Jack Ma, che ha parlato di “una promessa fatta” a Donald Trump “nel 2017, quando c’erano rapporti amichevoli tra i due Paesi e relazioni commerciali razionali. Queste premesse che non ci sono più e così la nostra promessa non potrà essere mantenuta”.

“Il commercio – ha aggiunto il miliardario proprietario del più grande portale per lo shopping online della Cina – non è un’arma e non può essere usato per fare le guerre. Dovrebbe essere il motore per la pace“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carige, lista Volpi-Mincione per rinnovo cda ammessa dal giudice. Bce in pressing per le nozze riparatrici

prev
Articolo Successivo

Ocse, tagliata stima crescita dell’Italia. “Non disfare riforma Fornero”. Di Maio: “Non si intromettano, la cambieremo”

next