Sulla strage di via D’Amelio “la prima azione di depistaggio è rappresentata dal furto dell’agenda rossa di Paolo Borsellino. E a rubarla non può essere stato il mafioso che ha schiacciato il telecomando”. A rivendicarlo il pm Nino Di Matteo, ascoltato dal Csm. “Tra le tante cose da approfondire la prima è proprio il furto dell’agenda rossa”, ha aggiunto il magistrato davanti alla Prima Commissione di Palazzo dei Marescialli. Per poi sottolineare: “Era stata utilizzata da Borsellino fino alla settimana prima per annotare cose che lui stesso confidò essere molto gravi”. E ancora: “Non vi è alcun dubbio che Borsellino avesse un’agenda rossa che gli era stata regalata dai carabinieri, che quel giorno l’aveva, che in quei giorni vi avesse annotato con particolare trepidazione e ansia circostanze che aveva scoperto. E non vi è alcun dubbio che in quel momento c’era una trattativa tra il Ros dei carabinieri e Riina con l’intermediazione di Ciancimino”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Csm, le alchimie delle correnti per eleggere il nuovo vicepresidente. E spunta l’ipotesi di un patto di minoranza

next
Articolo Successivo

Fondi Lega, Carroccio presenta ricorso in Cassazione contro il sequestro autorizzato dal Riesame

next