Torna con il secondo e ultimo appuntamento, domenica 16 settembre alle 21.15, la docu-serie “Barrio Milano – Ascesa e crollo delle gang latino americane”, in onda per due settimane su Sky Atlantic e Sky TG24 e disponibile su Sky On Demand, per il ciclo de “Il racconto del reale”. Scritto da Lirio Abbate, con la regia di Gabriele Gravagna e prodotto da Magnolia per Sky, il doc racconta della diffusione in Italia del fenomeno delle pandillas le bande di strada latinoamericane. Gang che negli ultimi anni, senza quasi che i cittadini se ne accorgessero, hanno scatenato una e propria guerra tra bande a Milano. Attraverso contributi audio e video esclusivi, tratti dagli atti di indagine e dalle testimonianze esclusive di alcuni ex affiliati, il doc ripercorre le indagini che hanno portato negli anni ai fermi di diversi sudamericani sul territorio milanese, con le accuse di associazione per delinquere, tentato omicidio, detenzione di armi, rapina e spaccio. Vittime incolpevoli di queste bande anche semplici cittadini, uccisi o aggrediti per futili motivi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crozza nei panni del figlio di Fedez e Chiara Ferragni: “Cantante preferito? Sfera Ebbasta”. L’imitazione esilarante

prev
Articolo Successivo

Miss Italia 2018, il provino di Chiara Bordi. La ragazza disabile: “Non mi pongo nessun limite”

next