Diverbio, con imprecazione, tra Matteo Salvini e il ministro degli Esteri del Lussemburgo Jean Asselborn (chi è il politico – la scheda) al vertice di Vienna durante l’intervento del vicepremier leghista. Alla frase pronunciata da Salvini durante il suo intervento, “non abbiamo l’esigenza di avere nuovi schiavi per soppiantare i figli che non facciamo più”, il collega lussemburghese ha sbottato: “Su, su, dai.. dai…”.

“Rispondo pacatamente al suo punto di vista che non è il mio – ha ripreso Salvini – Se in Lussemburgo avete bisogno di nuova immigrazione, in Italia preferisco aiutare gli italiani a tornare a fare figli”. A quel punto Asselborn è nuovamente intervenuto: “In Lussemburgo avevamo migliaia di italiani venuti a lavorare da noi: erano migranti che sono venuti a lavorare qui affinché poteste avere i soldi per i vostri figli”. Poi l’imprecazione: “Merde alors” (una sorta di “diamine”).

In Lussemburgo vivono attualmente circa 22mila italiani, secondo i dati diffusi dall’Istituto nazionale di statistica e di studi economici del Granducato (Statec). Secondo le cifre, aggiornate all’inizio del 2018, gli italiani presenti nel paese sono 21.962 e costituiscono il 3,6% della popolazione totale. In termini assoluti non è lontano il record stabilito nel 1970, quando gli italiani emigrati in Lussemburgo erano 23.490 e rappresentavano il 6,9% degli abitanti complessivi. Ancor più eloquenti i dati relativi al 1960, quando la popolazione del Granducato era meno numerosa e i 15.708 italiani rappresentavano addirittura il 37,8% del totale.

“Ho sentito da qualche collega dire che c’è bisogno di immigrazione perché la popolazione europea invecchia, io ho una prospettiva completamente diversa – aveva detto Salvini nel suo intervento – Io penso di essere al governo per aiutare i nostri giovani a tornare a fare quei figli che facevano qualche anno fa e non per espiantare il meglio dei giovani africani per rimpiazzare i giovani europei che per motivi economici oggi non fanno più figli. Magari in Lussemburgo c’è questa esigenza, in Italia invece abbiamo l’esigenza di aiutare i nostri figli a fare degli altri figli e non ad avere nuovi schiavi per soppiantare i figli che non facciamo più. Siamo assolutamente disponibili a dialogare con tutti”.

Nel corso della conferenza stampa con il collega austriaco Herbert Kickl, Salvini è tornato sul diverbio: “Stiamo aspettando a minuti il ministro del Lussemburgo per continuare il dibattito con toni pacati, lui prima è stato volgare“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Brasile, donne e intellettuali contro Bolsonaro. Ma nelle favelas in tanti lo vedono come una soluzione

next
Articolo Successivo

Asselborn, chi è il ministro degli Esteri del Lussemburgo che ha litigato con Salvini: fu il primo a criticare l’Ungheria di Orban

next