Fincantieri è una scelta politica”. Il governatore della Liguria Giovanni Toti lo ammette: la scelta del gruppo pubblico-privato della cantieristica navale per la ricostruzione del ponte Morandi è nella convergenza delle visioni politiche. Altro che competenze, genovesità o addirittura solidità finanziaria della Fincantieri. Che secondo Toti è addirittura  “l’azienda pubblica più solida che esista”. I bilanci, però, dicono che il gruppo navale, tornato in utile nel 2016, ha senz’altro buone commesse (5 miliardi nel 2017), ma visti i margini vicini al 7%, i profitti scarseggiano (53 milioni nel 2017, 15 a metà  2018) e i debiti pesano non poco con la posizione finanziaria netta: nel 2017 era negativa per 314 milioni (264 a metà 2018) sia pure in netto miglioramento rispetto ad un anno prima (615 milioni).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Titoli di Stato, chi li compra? Dal Forum Ambrosetti le risposte di economisti e finanzieri italiani: da Monti a Cottarelli, da Profumo a Davide Serra

next
Articolo Successivo

Cernobbio, Tria dopo Conte: rassicura imprenditori e mercati. “Faremo il possibile all’interno dei vincoli Ue”

next