Si chiama Ultreya, come l’esortazione che si fa ai pellegrini per andare avanti e proseguire sulla strada. Ed è una ricerca promossa dall’Università di Saragozza che per la prima volta vuole misurare gli effetti del Cammino di Santiago sul benessere fisico e mentale. Tutti coloro che intendono partire possono partecipare rispondendo a un questionario (qui) e attraverso ulteriori domande – al ritorno e dopo massimo tre mesi – i ricercatori profileranno nel rispetto della privacy gli effetti a breve e lungo termine. Finora sono migliaia le persone che hanno contribuito con le loro esperienze alla ricerca, dalle quali emergono risultati chiari: sì, il Cammino di Santiago cambia la vita in meglio.

È emerso che il percorso stimola alla meditazione inducendo “positivi effetti terapeutici”, e consente di socializzare così come di focalizzarsi sui propri obiettivi. Fa anche aumentare la fiducia verso l’altro, grazie alla solidarietà che si sperimenta sulla via. E aumentano consapevolezza di sé, autostima e possibilità di concentrarsi sul presente. Il ricercatore e psichiatra Javier García Campayo, coordinatore del Master in Mindfulness presso l’Università di Saragozza, parlando al Corriere della Sera dei primi risultati della ricerca ha spiegato quali siano i fattori del benessere emersi con maggiore chiarezza.

Al primo posto la solitudine “perché, anche se il percorso lo si può fare in compagnia, si ripensa ai diversi aspetti della propria vita”. Poi ci sono “la solidarietà, sia con i pellegrini lungo la Via sia negli ostelli e, infine, il dolore fisico che si è dovuto sopportare”. Aspetti che, seppure senza alcun grado di scientificità, erano emersi anche dalle decine di esperienze raccolte nel longform de ilfattoquotidiano.it Sulla via di Santiago. I risultati definitivi della ricerca Proyecto Ultreya saranno pubblicati la prossima estate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Starbucks, basta con queste menate. Per chi viaggia spesso è un’ancora di salvezza

prev
Articolo Successivo

La sindrome del rientro: un effetto collaterale delle vacanze ben riuscite

next