Cocaina, marijuana, hashish, droghe sintetiche. Controllavano indisturbati il tratto costiero di Baia Verde, uno dei più famosi a Gallipoli, spacciando ogni tipo di sostanza e spartendosi il territorio secondo la nazionalità. Quattordici cittadini africani  – provenienti da Gambia, Senegal e Mali – sono stati arrestati con questa accusa dalla Squadra mobile di Lecce, coordinata dalla Procura del capoluogo salentino. Altri tre sono ricercati.

L’operazione – portata avanti con agenti sotto copertura e telecamere nascoste – ha svelato il sistema di spaccio attivo 24 ore su 24, anche in pieno giorno, con ogni condizione climatica, in una delle zone a più alta densità turistica d’Europa, frequentata soprattutto da giovanissimi. Sono 75 – tutti turisti – gli acquirenti segnalati alla Prefettura che rischiano sanzioni amministrative. Tra i casi più singolari c’è quello di un uomo che, dicono le forze dell’ordine, è andato a rifornirsi di stupefacente tenendo per mano il figlio di pochi anni.

L’indagine – denominata ‘Green Bay’ e durata meno di un mese – ha mostrato come le scorte di droga venivano nascoste in buche scavate nel terreno della pineta di Baia Verde. I quantitativi più piccoli, invece, erano trasportati dagli stessi spacciatori nei propri indumenti. Per acquisire un maggior numero di prove, spiegano gli investigatori, è stata sfruttata la facoltà, concessa dalla legge, di ritardare il momento dell’arresto, anche dopo la scoperta dei primi scambi da parte degli infiltrati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ruby, tentata estorsione a Berlusconi: inchiesta passa da Milano a Monza

prev
Articolo Successivo

Torino, piazza San Carlo: gip si riserva su richieste di archiviazione

next