È stato preso dai carabinieri Gaetano Fagone, l’uomo di 52 anni che la notte del 31 agosto aveva volontariamente investito un gruppo di vicini di casa a Palagonia (Catania). L’uomo, che ha problemi psichici, da tempo era in lite coi vicini, era in fuga, con l’auto del padre, dal giorno dell’incidente. Nell’impatto una donna di 87 anni ha perso la vita, altre sette persone sono rimaste ferite. Avvistato in paese da un uomo che ha poi chiamato i carabinieri, il 52enne era rimasto nascosto in un covo nel paese. Al momento l’uomo si trova in stato di fermo presso la caserma dei carabinieri con l’accusa di omicidio e strage.

Da quanto si apprende, Fagone è stato preso anche grazie alla segnalazione di un cittadino che lo ha riconosciuto. Il Procuratore capo Giuseppe Verzera si è “congratulato con i carabinieri per il grande lavoro fatto svolto con abnegazione e professionalità in un contesto difficile”. A scatenare la reazione omicida dell’uomo, che già aveva avuto in precedenza dei problemi con i vicini, sarebbe stato il fastidio per il rumore che le vittime stavano facendo in strada. Essendo una strada chiusa, infatti, i vicini erano soliti piazzare i tavoli per cenare assieme: la sera del 31 agosto erano sedute circa 30 persone di diverse famiglie del quartiere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Viganò, il “Savonarola di Varese” che conosce i dossier che contano: dall’esilio in Usa allo scontro con Bergoglio

prev
Articolo Successivo

Bergamo, la pm del caso Gambirasio a cena con Salvini: “Noi magistrati non siamo tutti di sinistra”

next