Divieto di transito ai mezzi pesanti superiori alle 7,5 tonnellate e limite di velocità di 30 km/h. È quanto ha disposto l’Anas per il ponte Allaro della strada statale 106 “Jonica”, nella Locride (Reggio Calabria). Il divieto è stato imposto dall’Ente nazionale per le strade dopo che dal sistema di monitoraggio topografico e inclinometrico attivato sull’infrastruttura è emerso l’abbassamento delle pile 5 e 6 del ponte.

“Per i veicoli in direzione nord è previsto l’itinerario alternativo con avvio a Locri” fa sapere l’Anas in un comunicato ufficiale “percorrendo le strade statali 106 Var/B e 682 “Jonio-Tirreno” con immissione in A2 “Autostrada del Mediterraneo” fino allo svincolo di Lamezia Terme, e poi percorrere le statali 280 “Dei Due Mari” e statale 106 Var/A”. Per i mezzi diretti a Reggio Calabria, invece, è valido lo stesso percorso ma in direzione opposta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Furbetti del cartellino, nella sede del ministero della Difesa a Nuoro indagati per assenteismo 20 dipendenti civili su 31

next
Articolo Successivo

Matrimonio Ferragni Fedez, Pd: “Alitalia sponsor? Irriguardoso dei soldi pubblici”. La compagnia: “È accordo commerciale”

next