I carabinieri l’hanno ritrovata così, rinchiusa in un cassone per le mele lasciato sotto il sole nei campi di Sommacampagna, nel Veronese. La donna polacca è stata segregata nella cassa per due settimane, dal 14 agosto, in poi. Per il suo aguzzino, un imprenditore agricolo, sono scattate le manette: le accuse nei suoi confronti sono sequestro di persona e tortura.

Come riportano i quotidiano locali, tra la 44enne polacca e l’uomo di Bolzano, ma residente nella provincia di Verona c’era una relazione. La donna, ha lasciato Varsavia dove vive con la famiglia, per aiutare l’imprenditore nel lavoro dei campi. Il 14 agosto, dopo un litigio, l’uomo di 53 anni ha rinchiuso la donna nel cassone delle mele, abbandonandola sotto il sole cocente. La polacca è rimasta segregata per le successive settimane, con il suo aguzzino che le portava da mangiare e da bere.

I lamenti della donna, ormai sfinita, sono stati sentiti dai giardinieri che stavano lavorando per l’autostrada Brescia-Padova che hanno dato l’allarme. La campagna, infatti, confina con l’autostrada Milano-Venezia, nelle vicinanze di Sommacampagna.  L’intervento dei carabinieri di Villafranca di Verona e della la Polizia Stradale ha messo fine alla prigionia della donna che è stata ricoverata in stato di choc all’ospedale di Villafranca. Per l’uomo, accusato di tortura e sequestro di persona, si sono aperte le porte del carcere veronese di Montorio.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, il ministero approvò il rinforzo degli stralli due mesi prima del crollo. Toti: “No statalizzazione”

next
Articolo Successivo

Salvini, arrestati i ladri che hanno rubato a casa dei genitori: è “la banda della colla” legata alla criminalità georgiana

next