Sono stata dimenticata a lungo in aereo. Non è un errore, è negligenza e pura mancanza di cura per i passeggeri disabili“. Inizia così il racconto di Anne Wafula Strike, l’atleta paralimpica i orgine kenyota che ha denunciato su Twitter quanto le è accaduto all’aeroporto londinese di Stansted al ritorno dai campionati europei di atletica di Berlino. Dopo aver partecipato alle gare di wheelchair (competizione di velocità in carrozzina) ha preso un volo Ryanair per far ritorno in Gran Bretagna, dove vive, ma una volta arrivata a Londra è stata dimenticata in aereo. Per oltre 45 minuti infatti, nessuno sarebbe andata a prenderla: “Come passeggero su una sedia a rotelle – ha raccontato al Guardian è stato molto frustrante e mi ha causato un grande disagio essere dimenticata e bloccata su un aereo”

Anne Wafula Strike, attivista per i diritti dei disabili, si è detta poi delusa dal trattamento ricevuto dal personale, avvisato da settimane delle sue necessità per poter sbarcare dopo l’atterraggio. “Siamo spiacenti per l’esperienza di Anne a Stansted” ha replicato un portavoce dell’aeroporto. “Stiamo analizzando il modo in cui si è venuta a creare questa situazione e abbiamo chiesto alla società incaricata di occuparsi dei passeggeri a mobilità ridotta di fornire una spiegazione completa”, ha spiegato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Innamoratissimo e seminudo, Vincent Cassel dedica una serenata romantica alla nuova moglie Tina

prev
Articolo Successivo

“Vengo da Ghana”, la canzone dello Zoo di 105 è la “più razzista degli ultimi 70 anni”. Ma è prima in classifica su Spotify

next