Donald Trump non parteciperà ai funerali del senatore repubblicano John McCain a Washington che si terranno nel fine settimana. Ad annunciarlo è Rick Davis, portavoce del senatore e suo ex campaign manager per le presidenziali. “Il presidente non assisterà, da quello che sappiamo, ai funerali”, ha dichiarato in una conferenza stampa in Arizona. Prima della morte, avvenuta il 26 agosto scorso, McCain aveva fatto sapere che non voleva alle sue esequie il tycoon, di cui era un fiero avversario.

“Non disperate delle nostre difficoltà attuali ma credete sempre nella promessa e nella grandezza dell’America, perché nulla è inevitabile qui – aveva scritto il senatore in una lettera d’addio che è stata letta tra le lacrime in una conferenza stampa da Rick Davis – Non dobbiamo confondere il patriottismo con le rivalità tribali che seminano odio”.

John McCain è stato senatore per lo stato dell’Arizona dal 1987 al 2018, nel 2008 si era candidato per la presidenza degli Stati Uniti, ma venne sconfitto da Barack Obama. Il senatore è noto anche per aver combattuto nella guerra del Vietnam come membro della marina militare statunitense. Nella missiva McCain ha espresso la sua profonda gratitudine e il suo amore per il Paese: “Gli americani non mollano mai. Non ci arrendiamo mai. Non ci nascondiamo alla storia. Noi facciamo la storia”.

“Nonostante le nostre differenze sulla politica e le politiche, io rispetto il servizio del senatore John McCain al nostro Paese e, in suo onore, ho firmato la proclamazione per abbassare la bandiera degli Stati Uniti a mezz’asta sino al giorno della sua sepoltura”, afferma Donald Trump in una nota della Casa Bianca. Inoltre ha fatto sapere di aver chiesto al suo vice Mike Pence di tenere un intervento alla cerimonia venerdì a Capitol Hill e al chief of staff John Kelly, al capo del Pentagono Jim Mattis e al consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton di rappresentarlo ai funerali. Infine, su richiesta della famiglia del senatore, ha autorizzato il trasporto militare della salma dall’Arizona a Washington, i portatori militari della bara e il sostegno della banda, un trasporto con cavallo e carrozza durante il servizio all’Accademia navale Usa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salone del Libro di Torino 2020, perché è giusto che l’Iran sia Paese ospite

next
Articolo Successivo

Francia, si dimette ministro dell’Ambiente Nicolas Hulot: “Sono rimasto solo, fatti piccoli passi. Non voglio più mentire”

next