Mentre continuano le ricerche dei dispersi alle gole del Raganello, emergono alcuni dettagli sulla fruizione, da parte degli escursionisti, del parco del Pollino. Come ha spiegato lo stesso direttore, Giuseppe Melfi, “l’accesso alle gole è libero, non c’è un piano sicurezza“. Le persone, dunque, raggiungevano il torrente “anche senza le guide specializzate”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calabria, la notte dei soccorsi nel parco del Pollino: “Territorio impervio, operiamo in condizioni di emergenza”

next
Articolo Successivo

Pedofilia Usa, ai cattolici non basta il mea culpa sugli abusi. Il Papa deve legiferare

next