Il principe Harry e Meghan Markle si sono concessi una breve “luna di miele” italiana: i duchi del Sussex hanno trascorso infatti qualche giorno sul lago di Como, ospiti di  George Clooney e Amal Alamuddin. A rivelarlo è il settimanale di Alfonso Signorini Chi, secondo cui la coppia reale è arrivata in Italia in gran segreto la sera di giovedì 16 agosto e si è diretta a Villa Oleandra scortati da un gruppo di agenti dei servizi segreti inglesi e da agenti della polizia italiana in borghese.

Harry e Meghan non sono mai usciti da Villa Oleandra e hanno speso il loro tempo rilassandosi in piscina, dove la Markle si è divertita a fare da “tata” ai gemelli Alexander ed Ella Clooney.  E mentre Meghan si intratteneva con i piccoli, Harry ha sfidato Clooney e altri ospiti a lunghe partite a basket. Una vacanza all’insegna della famiglia e del relax insomma. Unica eccezione è stata la cena di gala di sabato sera, alla quale hanno partecipato una quindicina di ospiti. La cena, organizzata nel parco della villa, si è protratta fino a notte fonda. I duchi di Sussex sono poi ripartiti domenica pomeriggio da Malpensa.

Intanto che gli sposini si godevano un po’ di tranquillità, a Londra, la regina Elisabetta cambiava il suo testamento personale, come riporta Funweek. La sovrana d’Inghilterra infatti, nonostante i suoi 92 anni, è molto attiva e così, ha deciso di modificare il testo con le sue ultime volontà per includere tra gli eredi anche l’ultima arrivata, Meghan Markle appunto. Una decisione repentina e alquanto inaspettata, che conferma la simpatia di Sua Maestà nei confronti della nuova nipote acquisita. Certo però questa scelta avrà dei riflessi sugli equilibri interni a Kensington Palace: come avrà preso la notizia la cognata Kate Middleton?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matteo Renzi, al via le riprese per il suo docufilm sulle bellezze di Firenze: il primo ciak in Santa Croce

prev
Articolo Successivo

Dal calcio al rap, l’ex rossonero Kevin Prince Boateng spopola in rete con il suo primo singolo “King”

next