Il regista italiano che strizza l’occhio ai fratelli Coen? Esiste e si chiama Filippo Bologna. Parola di Luca Argentero, che della sua black comedy Cosa fai a Capodanno? è fra i protagonisti. Accanto all’attore torinese, entusiasta di appartenere a questa commedia corale che – per inciso – è un esordio alla regia anche se Bologna vanta la firma alla sceneggiatura di Perfetti sconosciuti, vi recitano Ilenia Pastorelli, Vittoria Puccini, Alessandro Haber, Isabella Ferrari, Riccardo Scamarcio e Valentina Lodovini.

“Il plot – rivela Argentero – verte su quattro coppie che non si conoscono ma si danno appuntamento in uno chalet di montagna con l’obiettivo è di fare un’ammucchiata, visto che a Capodanno non si sa mai cosa fare e si pensa sempre che da qualche parte ci sia una festa più divertente: loro credono dunque di organizzare la festa più divertente della vallata. Ovviamente l’ammucchiata è un punto di arrivo a cui non giungeranno mai perché gli incidenti sono l’oggetto della narrazione. L’unica coppia ahe non c’entra con il programma è formata da me e Ilenia Pastorelli: noi siamo in quella casa perché la vogliamo svaligiare”. Si tratta di un ruolo “diverso” per il 40enne Argentero, nei panni di un “personaggio deprecabile” anche se è lui stesso ad osservare quanto la versatilità di caratteri che si sceglie ambiscono alla differenziazione con un’unica attitudine costante, “quella a recitare in opere prime”. E quella di Bologna, a suo avviso, “è veramente sorprendente, io mi sono sorpreso per primo cosa non facile ormai. Filippo è riuscito a sparigliare le carte come raramente accade nel cinema italiano contemporaneo”.

A quanto pare, infatti, Bologna ha avuto la capacità di tornare sui territori “vincenti” di Perfetti sconosciuti (unità di luogo, coralità) “ma staccandosi diametralmente dalla tipologia di personaggi raccontati: se in Perfetti si trattava di una borghesia piuttosto ripiegata su se stessa che si ritrova a cena, qui i protagonisti arrivano da ogni estrazione sociale ed a unirli è il motore del sesso, insomma vedrete tanto latex e tute mimetiche!”. In termini di attualità, infine, Argentero tiene a lodare il suo “nuovo” regista per la capacità di prevedere alcuni discorsi legati alla cronaca stringente di questi mesi: “Il film è stato scritto e girato un anno fa ma già si parla in un certo modo di migranti, a partire dal proprietario dello chalet che è una persona di colore che, lavorando in una segheria, si è costruita dei risparmi poi investiti nell’acquisto dello chalet”. Cosa fai a Capodanno? uscirà per Vision Distribution il 15 novembre prossimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Inception, Michael Caine svela un retroscena inedito sulla scena finale: ecco il particolare che risolve il mistero

next