Durante i funerali dei quattro ragazzi di Torre del Greco (Napoli) morti nel crollo del ponte di Genova, una ragazza, Simona Fossa, parente di una delle vittime, ha letto dall’altare una lettera di addio. E oltre al dolore ha lanciato un vero atto d’accusa: “I ragazzi sono vittime dello Stato assente” ma che ha come obiettivo quello “di arricchirsi”. “Spero che i responsabili paghino”, ha aggiunto

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi, oggi funerali di Stato e lutto nazionale. Sale a 41 il numero delle vittime: ritrovata auto con 3 persone – DIRETTA

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, il sindaco di Genova: “Valuteremo aiuti di Autostrade”. L’appello ai cittadini: “Usate il trasporto pubblico”

next