Il miliardario hi-tech Henry T Nicholas è stato arrestato insiema alla fidanzata Ashley Fargo in un resort-casino di Las Vegas per traffico di droga. Eroina, cocaina, metanfetamina e ecstacy ma anche gas esilarante: questo l’assortimento di spaccio che ha portato il co-fondatore del colosso dei chip Broadcom Corp alle manette.

L’uomo di 58 anni è stato arrestato martedì 7 insieme alla fidanzata Ashley, ex moglie di uno degli eredi di Wells Fargo all’Encore, un hotel di Las Vegas.  A chiamare la polizia è stata la sicurezza dell’albergo dopo essersi insospettiti e aver tenuto sotto osservazione la coppia. Secondo quanto riportano i media americani, il co-fondatore di Broadcom non riusciva a entrare nella sua stanza. Aiutato dalla sicurezza dell’hotel, hanno trovato  la ragazza riversa a terra priva di sensi, con un palloncino semi-gonfio bocca. Nicholas ha poi ammesso che i palloncini contenevano ossido di nitrato, gas esilarante.  L’accusa mossa nei confronti del miliardario è quella di traffico di eroina, cocaina, metanfetamina e ecstacy.

La  Broadcom è stata fondata da Henry T Nicholas e Henry Samueli nel 1991. L’azienda progetta circuiti integrati per le applicazioni di comunicazione digitale di dati, dalle connessioni LAN Ethernet al WLAN, Bluetooth, fino al GPS.

Nicholas è famoso per aver promosso una proposta di legge che andrà al ballottaggio in Nevada in novembre. Il provvedimento per i diritti delle vittime di crimini è chiamato ‘Marsy’s Law’, in ricordo di sua sorella Marsy Nicholas, uccisa da un ex fidanzato nel 1983 dopo che era stata a lungo oggetto di stalkeraggio.