Con 58.73 metri Daisy Osakue vola in finale nel lancio del disco femminile agli Europei di Berlino. Un qualifica che ha il sapore della rivincita per l’atleta azzurra di origini senagalesi che nelle scorse settimana è stata al centro delle cronache per essere stata colpita da un lancio di uova a Moncalieri. Daisy è stata in forse fino all’ultimo a causa della cura di cortisone a cui è stata sottoposta e che avrebbe potuto impedirle di partecipare agli Europei. “È la ciliegina sulla torta che mi serviva per dimenticare quello che è accaduto. È bellissimo”, ha commentato la ragazza.

Daisy non si è mai demoralizzata e nonostante la ferita all’occhio e i dubbi sulla sua ammissione ha sempre creduto nella sua partecipazione alle gare di Berlino. L’atleta azzurra oggi ha lanciato il disco a 58.73 metri al secondo tentativo. Così si è qualificata per la finale del disco del lancio femminile: “Un sogno“, per lei. “Mi sentivo bene. Il mio campionato europeo è iniziato alla grande e non vedo l’ora di divertirmi e di farvi divertire”, ha aggiunto la discobola azzurra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europei nuoto, 3 argenti tra vasca e tuffi. Bronzo nel fondo. Pellegrini 5^ nei 100 sl

prev
Articolo Successivo

Europei, Daisy Osakue conquista la finale: “In quel lancio rabbia e felicità. Non mi importa quello che è successo”

next