Un terribile terremoto di magnitudo 6.9 ha travolto l’Indonesia provocando oltre centoquaranta morti e centinaia di feriti. Tra i presenti anche Aldo Montano in compagnia della moglie Olga Plachina, la coppia si trovava sull’isola Gili Trawangan per un periodo di vacanza dopo i Mondiali in Cina. Lo schermidore toscano è vivo per miracolo, così come sua moglie, salvi perché al momento della scossa erano a cena mentre l’interno dell’hotel dove alloggiavano è in buona parte crollato.

Aldo e Olga hanno passata la notte arroccati su una collina aspettando che rientrasse l’allarme tsunami mentre la terra continuava a tremare: “Abbiamo vissuto scene apocalittiche. Un boato con la fortissima scossa di terremoto e il terrore dell’allarme tsunami. Mai visto una roba del genere e mi vengono i brividi solo a ricordarla“, ha detto lo sportivo all’agenzia Ansa. I due sono illesi ma impauriti, si trovano adesso a Lombok dove si sono trasferiti insieme ad altri in barca aspettando l’aereo che li porterà a Bali.

Il numero di persone evacuate dalle loro case sull’isola di Lombok a causa del terremoto potrebbe raggiungere quota ventimila: “Ovviamente il volo non è nemmeno inserito sul monitor: un’attesa senza fine. Dopo il sisma siamo riusciti a contattare la Farnesina la quale ci ha gentilmente lasciato il numero dell’ambasciata italiana a Jakarta e del consolato italiano a Bali che ovviamente non hanno risposto. Ce la siamo dovuta vedere da soli. Ci siamo arrangiati insieme ad altri quattro italiani.

Esperienza traumatica che difficilmente la coppia dimenticherà: “Blackout e le sole torce del telefonino ad illuminare il sentiero, scene da vera Apocalisse: barche prese d’assalto per spostarsi da un’isola all’altra e istinto su cosa fare, anche contro la volontà delle persone del posto“.  Il campione olimpionico si trovava in Indonesia solo con la moglie Olga, la figlia Olympia “per fortuna è in Russia” ha aggiunto Montano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fedez-Ferragni, Ilary Blasi si autoinvita al matrimonio. Loro rispondono sui social: “Tu e Totti siete ufficialmente invitati”

prev
Articolo Successivo

Kendal Jenner, il suo dobermann morde una bimba al ristorante e lei se ne va senza scusarsi

next