L’ex presidente uruguaiano José “Pepe” Mujica ha annunciato che il prossimo 14 agosto lascerà il suo seggio al Senato. In un’intervista al notiziario Telenoche ha spiegato che queste dimissioni sono un “abbandono, forse temporaneo, della politica attiva ma non dalla mia battaglia per le idee”.

Le ragioni che hanno spinto “Pepe” – come viene chiamato da amici e militanti del suo Movimento di partecipazione popolare (Mpp) – a prendere questa decisione risiede in una “serie di viaggi che devo intraprendere all’estero”, quindi invece che “prendere una licenza, ho deciso di dimettermi”. Anche perché, ha spiegato nell’intervista, raggiunta l’età di 83 anni “non ho più le forze per adempiere a tutti i doveri di un membro attivo del Senato”.

L’ex presidente, tuttavia, non ha escluso la possibilità di un eventuale ritorno in politica il prossimo anno. In merito alle elezioni del 2019 ha infatti dichiarato che potrebbe ricandidarsi “in una lista per un posto nella Camera dei deputati“, dove nel 1994 era iniziata la sua carriera parlamentare. Guerrigliero del Movimento di liberazione nazionale – “Tuparamos” – negli anni ’60, Mujica è stato presidente dell’Uruguay dal 2010 al 2015. Tra le varie mete che ha in programma di visitare in questo suo viaggio, farà tappa anche in Italia.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corea del Nord, l’Onu: “Non ha fermato programma nucleare e missilistico”. Usa a Cina e Russia: “Rispettare sanzioni”

prev
Articolo Successivo

Corea del Nord, l’Onu: “Continua il programma nucleare”. Usa: “Rispettare sanzioni”. E Pyongyang: “Allarmante”

next